giovedì 13 luglio 2017

Sostegno al piccolo commercio e dietrofront sulla pista ciclabile: doppio comunicato di Fratelli d'Italia

 Riceviamo e pubblichiamo - comunicato stampa


Sostegno al piccolo commercio: la leonardi va a segno – sbloccati fondi regionali. La capogruppo di fratelli d'italia: soddisfatta per questo primo passo – si attivino subito tutti i relativi bandi


Dopo la mozione del 28 aprile 2017 a firma di Elena Leonardi , è arrivato finalmente a segno l'intervento della capogruppo regionale di Fratelli d'Italia. Esprimo soddisfazione per il fatto che la mia "denuncia" sul mancato finanziamento di capitoli del bilancio regionale a favore dei piccoli commercianti e di quelli in aree terremotate abbia portato ad una delibera di Giunta Regionale. In questo atto si impegnano fondi proprio per i settori che la Leonardi segnalava come sprovvisti di aiuti: il picoclo commercio al dettaglio e quello per la somministrazione di alimenti e bevande, nonché per gli apparati di videosorveglianza per la tutela dei negozi e di chi ci lavora.
La cifra di 328.000 euro è ancora insufficiente, prosegue la Leonardi, ma un primo segnale è stato dato. I 60.000 euro per i sistemi di sicurezza attivi e passivi non sono molti ma spero che con una prossima variazione di bilancio possa farsi di più.
E' necessario, prosegue la capogruppo di Fratelli d'Italia, che all'interno dei luoghi di lavoro ci sia più tutela soprattutto nelle zone più sottoposte a rischio criminalità.
Nella mozione la Leonardi chiedeva inoltre di aprire bandi per gli esercizi commerciali di quei piccoli borghi dell'area terremotata e non solo, che hanno necessità di un sostegno perchè costituiscono dei veri e propri presidi sociali contro lo spopolamento montano.
L'Impegno della capogruppo del partito della Meloni, proseguirà sul settore del commercio e sulla richiesta di reperimento di ulteriori fondi per rivitalizzare un settore, quello del commercio, così strategico per l'economia regionale.



Piste ciclabili e fondi degli sms per i terremotati: per Fratelli d'Italia marcia indietro della Giunta sotto forte pressione dell'opinione pubblica. Per la Leonardi è una scelta inopportuna: i fondi per le ciclabili sono quelli europei – la Regione moduli bene le priorità per il collegamento mare-montagna

Ceriscioli sconfessa l'assessore Sciapichetti: è questo il messaggio che sembra scaturire dal dietro front annunciato da poco dal Presidente della Giunta Regionale. Il parere del Gruppo Regionale di Fratelli d'Italia è chiaro: usare i fondi per i terremotati per finanziare una pista ciclabile ea una scelta inopportuna! I fondi per le ciclabili ci sono e la gran parte di questi attivabili tramite la cosiddetta Strategia delle Aree Interne, si dia piuttosto concretezza a quanto previsto nella bella cornice della Rete Cicloturistica Regionale e della cosiddetta RESM (rete escursionistica regionale), per il collegamento tra le aree della costa e quelle collinari e montane delle province terremotate.
I cittadini che hanno inviato uno o più sms solidali – continua la capogruppo Elena Leonardi – non pensavano certo di donare euro per una pista ciclabile, bensì per strutture ed infrastrutture prioritarie e necessarie per il mantenimento della vita, anche sociale, delle zone distrutte dal terremoto, tanto più che a distanza di quasi un anno dal primo distruttuvo sisma la situazione resta ancora del tutto drammatica.
Mentre gli atti dei donatori privati si concretizzano con esempi quotidiani, la politica resta al palo e moduli abitativi o strade di accesso a varie località montane sono ancora un'utopia.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.